fbpx

Il "GIN BUONO"

Come riconoscere un buon Gin

 

Visto che sta aumentando la passione e l’interesse intorno al mondo del Gin, è sempre più importante saper riconoscere il “Gin buono”, e apprezzare il gusto che altri prodotti non hanno.

Chi l’avrebbe detto? Dopo essere stato considerato per secoli una bevanda di bassa qualità, bandito dal proibizionismo e prodotto per i ceti più poveri, oggi il Gin è diventato uno dei distillati alcolici più amati al mondo!

In 3 semplici suggerimenti, ti diamo un aiuto per riconoscere la qualità, nella grande gamma di offerta che oggi il mercato propone.

Come riconoscere il Gin buono?

3 Tips per riconoscerlo

1. La nota di ginepro deve essere riconoscibile. Gin è un distillato alcolico prodotto dalla rifermentazione di una base di cereali, fra cui devono essere presenti le bacche di ginepro. Nel “Gin buono” puoi sentire la persistenza del ginepro in armonia con gli altri aromi.

2. Attenzione alle botaniche. Non sempre ricette stravaganti e packaging attraenti sono sinonimo di qualità. La vera prova del nove è l’assaggio, in cui devi percepire chiaramente attorno all’ingrediente principale (il ginepro) l’equilibrio e la delicatezza delle botaniche.

3. Deve funzionare con altri sapori. Uno scopo importante del Gin è entrare in relazione con altri sapori: il tuo barman lo usa per prepararti drink sempre nuovi. Il “Gin buono” deve rendere essere adatto per un Gin Lemon come per un Negroni o tutti gli altri cocktail più conosciuti.

Passione

Con l’esperienza riconoscerai i migliori Gin

Provare, confrontare, documentarsi è sempre il consiglio più valido. L’esperienza diventerà presto la tua migliore alleata. La passione per questo distillato ti porterà ad assaggiare varie marche, provare cocktail, e individuare i Gin migliori e i tuoi accostamenti preferiti.

E allora sarai tu la guida per i tuoi amici nelle scelte e negli assaggi!

L’Azienda

Jo Ressel srls
Viale Miramare, 87 (sede legale)
34136 Trieste – Italy

Il tuo Carrello